Accademia dei Racemi

Quando nel 1996 ho iniziato il progetto Accademia dei Racemi , insieme ad alcuni giovani appassionati e pionieri della viticoltura autoctona , non potevo nemmeno immaginare quanto sia forte nostre idee, resercheas e opere avrebbero influenzato gli sviluppi futuri delle uve e dei vini pugliesi .

Tutto è iniziato dal Primitivo di Manduria , nelle tenute Felline . Vino primitivo prima che svelò la qualità potenziale dell'uva che fino a quel momento veniva utilizzata solo come vino sfuso da miscelare.

Accademia dei Racemi ha sviluppato un nuovo approccio alla viticoltura e alla vinificazione , concentrandosi solo su vecchi vitigni autoctoni, per lo più sconosciuti e sottovalutati sul mercato . I risultati più importanti sono stati raggiunti sul Malvasia Nera , Fiano Minutolo, Ottavianello e Sussumaniello ( uva completamente scomparsa e ora aggiornato a una delle più importanti uva rappresentative della Puglia) . Il progetto ha coinvolto anche Negramaro e , recentemente Verdeca e il Vermentino.