ABOUT

Felline ha una lunga storia, il protagonista del successo del Primitivo di Manduria e pietra miliare del progetto Accademia dei Racemi che ha dato impulso alla rinascita di numerosi vitigni autoctoni.
Il nome deriva da una vasta area archeologica di Manduria, a breve distanza dalle sue famose spiagge, dove ci sono i resti di una città antica, chiamata Felline. I siti archeologici sono collegati a una leggenda che mantiene vivi ancora riti religiosi in onore di San Pietro. Si dice che San Pietro, partito da Antiochia nel 45 dC per Roma, impegnato nella missione di diffondere il Cristianesimo, naufragò arrivando proprio su una delle spiagge vicino a Manduria. La gente di Felline gli diede il primo soccorso e assistenza, lo accolse in paese, anche in presenza di una epidemia di peste in corso. S. Pietro liberò il popolo e il suo re Fellone dalla lebbra praticando guarigioni miracolose che hanno portato l’intera comunità a convertirsi alla nuova religione. Da Felline poi è andato a Roma dove fondò la Chiesa cattolica diventando il primo Papa nella storia.

ACCADEMIA DEI RACEMI

Quando nel 1996 ho iniziato il progetto Accademia dei Racemi, insieme ad alcuni giovani appassionati e pionieri della viticoltura autoctona, non potevo nemmeno immaginare quanto sia forte nostre idee, resercheas e opere avrebbero influenzato gli sviluppi futuri delle uve e dei vini pugliesi.
Tutto è iniziato dal Primitivo di Manduria, nelle tenute Felline. Vino primitivo prima che svelò la qualità potenziale dell’uva che fino a quel momento veniva utilizzata solo come vino sfuso da miscelare.
Accademia dei Racemi ha sviluppato un nuovo approccio alla viticoltura e alla vinificazione, concentrandosi solo su vecchi vitigni autoctoni, per lo più sconosciuti e sottovalutati sul mercato. I risultati più importanti sono stati raggiunti sul Malvasia Nera , Fiano Minutolo, Ottavianello e Sussumaniello (uva completamente scomparsa e ora aggiornato a una delle più importanti uva rappresentative della Puglia). Il progetto ha coinvolto anche Negramaro e, recentemente Verdeca e il Vermentino.